Week end a Monaco

{lang: ‘it’}

Giardini inglesi a monaco di baviera
Un week end di svago è proprio tutto ciò che ci serve, abbandonare la solita routine giornaliera ed immergermi in una nuova città come Monaco di Baviera.

Abbiamo organizzato il tutto in pochissimi giorni, ma con grandi risultati. Decidiamo così di affrontare il viaggio in aereo, partenza alle ore 10 del mattino da Roma Fiumicino, per poi atterrare verso le 11.45 all’aeroporto  di Monaco Franz Josef Strauss, uno degli aeroporti più grandi che abbia mai visto! Una grande agevolazione che abbiamo incontrato è stata la metropolitana S8 che dall’aeroporto ci ha accompagnati direttamente in centro a Monaco. Per spostarvi vi consiglio di utilizzare sempre i mezzi pubblici, come abbiamo fatto noi. Grazie a “Partner-Tageskarte”, un semplice biglietto con validità giornaliera si può salire in tutti i mezzi di trasporti presenti in città, potranno viaggiare al massimo cinque persone con un unico biglietto, il tutto al costo di circa 16 Euro.

Dopo aver preso la metropolitana, in circa mezz’ora siamo arrivati in centro, scendendo alla fermata “Marienplatz”,  dov’era situato il nostro alloggio, uno dei tanti alberghi centrali di Monaco insomma, molto pulito e davvero comodo, ottimo per un week end di questo genere.

marienplatz a monaco di baviera

Una volta posati i bagagli e consumato un pranzo molto veloce, siamo pronti per partire verso l’esplorazione di questa magnifica città. Con la nostra cartina alla mano, iniziamo dal centro storico di Monaco, ovvero Marienplatz e dintorni. Da questo nostro primo impatto, notiamo subito che la città appare davvero molto pulita.
Marienplatz, la Piazza di Maria, è il vero è proprio cuore pulsante di tutto il centro storico di Monaco, uno dei luoghi più amati da ogni turista. La grande piazza viene dominata dal Neues Rathaus (ovvero il Nuovo Municipio), uno spettacolo, un imponente edificio neo gotico, oggi utilizzato per l’amministrazione comunale. Un’altra cosa che ci ha davvero colpiti ed ha attratto la nostra attenzione, è stata la grande torre posta sulla facciata principale del Nuovo Municipio. Essa ospita il celebre Glockenspiel, il più grande carillon della Germania, attivandosi per ben tre volte al giorno, noi abbiamo atteso fino alle ore 17 per vedere questo spettacolo, ve lo consiglio assolutamente. Un luogo davvero magico per scattare qualche foto indimenticabile. Un’altra delle piazze più belle di Monaco che ci ha davvero impressionati è la Odeonsplatz, nonché uno degli angoli più italiani della città. Vera protagonista di questo luogo è la Chiesa di Theatinekirche, uno degli esempi di barocco italiano in Baviera; altro elemento che personalmente mi ricorda moltissimo il mio precedente viaggio a Firenze è la Feldherrnhalle, ovvero una copia della Loggia dei Lanzi appunto. Concludiamo così la nostra prima giornata con una bellissima passeggiata per Ludwigstraße, una via monumentale che ha origine proprio da Odeonsplatz, dove al suo inizio potrete notare il grande monumento in bronzo di Ludwin I a cavallo.

Il mattino seguente incominciamo con una bella passeggiata presso i Giardini Inglesi (fermata metro Giselastrasse della U-Bahn), per poi assaporare una tipica colazione bavarese alla splendida Torre Cinese. Da qui raggiungiamo a piedi il Palazzo Reale di Monaco (Residenz), una struttura davvero imponente e bellissima. Purtroppo a causa del poco tempo a disposizione, scegliamo solo di vederla all’esterno perché con le sue 130 stanze aperte al pubblico ci richiedeva troppo tempo; se avete a disposizione più tempo, vi consiglio di visitare il suo interno.
Dal Palazzo Reale abbiamo sempre proseguito a piedi fino ad arrivare ancora a Marienplatz, spingendoci fino a Karlsplatz, ovvero la piazza delle fontane. La piazza viene dominata da enormi palazzi realizzati in semicerchio; la celebre fontana venne costruita in occasione delle Olimpiadi del 1972 regalando così d’estate dei graziosi spruzzi d’acqua, mentre in inverno viene trasformata in una grande pista di pattinaggio. Poco lontano da cui, sempre a piedi, potrete raggiungere un piccolo santuari eretto in memoria del celebre Michael Jackson.
Sempre nei dintorni di Marienplatz, sorge la Cattedrale di Monaco, ovvero la Frauenkirche, una struttura risalente alla fine del 1400. Davvero molto bella e solenne, con i suoi due campanili gemelli alti circa 99 metri e con la punta a forma di cipolla, classificata come uno dei simboli della città.
Dopo una camminata del genere abbiamo bisogno di caricare un po’ le batterie prima del viaggio di ritorno, così scegliamo di assaporare una bella birra bavarese presso la Hofbrauhaus Munchen, una delle birrerie più antiche e celebri di Monaco di Baviera.

Abbiamo lasciato il nostro albergo verso le ore 18, per poi ripartire verso casa con l’aereo delle 20.30.
Nonostante il poco tempo a disposizione, siamo riusciti ad organizzare un’entusiasmante week end in una nuova città; ritornerei a Monaco immediatamente, soprattutto per poter visitare alcuni luoghi che mi sono persa.

Share.
Loading Facebook Comments ...

Leave A Reply